Casa » Cuestiones éticas: desarrollos científicos y tecnológicos » La timidezza delle chiome Libro EPUB, PDF

La timidezza delle chiome Libro EPUB, PDF

Un libro especialmente para ti! Para los verdaderos amantes de los libros y leer, nuestro sitio presenta la oportunidad de descargar el libro Los mejores libros gratuitos para descargar en kindle La timidezza delle chiome DJVU EPUB por Pietro Maroè. No es necesario registrarse. Nuestro recurso en línea proporciona una amplia gama de diferentes formatos de libros Los mejores libros gratuitos para descargar en kindle La timidezza delle chiome. Gracias a esto puedes leerlo en diferentes tipos de dispositivos.

La timidezza delle chiome DJVU EPUB por Pietro Maroè
  • Libro de calificación:
    4.41 de 5 (201 votos)
  • Título Original: La timidezza delle chiome
  • Autor del libro: Pietro Maroè
  • ISBN: -
  • Idioma: ES
  • Páginas recuento:117
  • Realese fecha:2005-07-03
  • Descargar Formatos: TORRENT, iBOOKS, AZW, EPUB, TXT, DJVU, DOC, FB2
  • Tamaño de Archivo: 14.41 Mb
  • Descargar: 3201
Secured

La timidezza delle chiome por Pietro Maroè Libro PDF, EPUB

Pietro è un ragazzo di vent'anni che vive sugli alberi. Ci è salito prima di cominciare a camminare e ora cura gli alberi monumentali di mezzo mondo. Li scala, li studia, li ama, parla con i rami (e i rami parlano con lui, giura). In queste pagine racconta quello che succede in cima alle piante gigantesche dell'Australia e nei nostri giardini addomesticati. Perché anche lì Pietro è un ragazzo di vent'anni che vive sugli alberi. Ci è salito prima di cominciare a camminare e ora cura gli alberi monumentali di mezzo mondo. Li scala, li studia, li ama, parla con i rami (e i rami parlano con lui, giura). In queste pagine racconta quello che succede in cima alle piante gigantesche dell'Australia e nei nostri giardini addomesticati. Perché anche lì, senza che ce ne accorgiamo, si consumano guerre e amori: come quello rasoterra e imprevedibile tra la salvia e il pomodoro. Ma questo libro non parla solo di alberi, parla anche di noi. Perché da quelle querce alte più di trenta metri Pietro guarda il mondo di sotto, il nostro mondo, quello di chi rimane a terra. E racconta cosa gli alberi ci possono insegnare, cosa ci servirebbe per vivere con la loro calma e capacità di adattamento. Pietro ci insegna qui come trovare una misura nuova per il nostro tempo: "Le piante sono lente, molto lente per la rapidità delle nostre vite. E mentre noi, impazienti del mondo di sotto, siamo incapaci di pensare con la misura dei secoli, loro ci vedono passare, ci guardano e sanno".